L’orologio fatto di ossa

04/03/2020

L’orologio fatto di ossa

L’orologio fatto di ossa
ticchetta.
Fuori tempo e così costante.
Tiranno che vagheggia
con voce sicura, sinuosa e lenta.
Le ossa sono risucchiate fino all’orlo:
e persino l’orlo
ricucito così sapientemente e con cura
dall’urlo della sua disperazione
finisce con l’essere consumato.
Si spegne
sempre più definitivamente
ad ogni passo
la sua
voce.

Quest’oggi desidero condividere con voi un articolo del Il sole 24 ore, scritto da Barbara Forresi, e pubblicato il 20 febbraio 2020. Tratta del silenzio che gira in torno ai ragazzi che soffrono di anoressia. A volte sembra che i disturbi alimentari, e le insicurezze riguardanti il proprio corpo ed il modo di gestirlo, debbano riguardare sempre e solo le donne (e che tutte le donne debbano per forza soffrire di tali problemi). Eppure la realtà è un’altra. Credo sia importante cercare di svegliarsi, svegliarsi davvero… Sempre di più e sul numero maggiore di tematiche di vita possibili. Lottare per informarsi, crescere, migliorare; per non lasciare i nostri ragazzi e le nostre ragazze, i nostri bambini e le nostre bambine, così soli.

https://alleyoop.ilsole24ore.com/2020/02/20/lorenzo-ucciso-a-venti-anni-dallanoressia/?refresh_ce=1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti